Definire i canali, gli obiettivi, il budget promozionale

Canali di acquisizione, rilevanza degli obiettivi prescelti e definizione dell’investimento promozionale sono spesso la grande incognita cui si trovano di fronte gli imprenditori che intendono avviare un progetto di marketing per la loro impresa.

La nostra risposta? Nell’analisi del target e del contesto competitivo!

 

Investire nel marketing operativo (advertising su Facebook, annunci su Google Ads, gestione di una community sui social media…) senza una pianificazione strategica preliminare è possibile, ma pericoloso, per questo ciò avviene solo dopo una serie di analisi, come quella sul target, che costituiscono il nostro Metodo di Marketing Strategico.

Nella migliore delle ipotesi, l’impresa non ha visibilità sul risultato atteso a fronte di un investimento promozionale. 

Nella peggiore (ma più probabile) gli investimenti produrranno utili limitati o nulli, a causa della scarsa conoscenza del mercato, del contesto competitivo, del posizionamento del brand rispetto ai competitor e delle motivazioni di acquisto dei potenziali clienti. 

 

Elaborare il Piano di Marketing

Elaborare un Piano di Marketing quantitativo richiede una profonda conoscenza del mercato e una selezione accurata del target: vale a dire, di quei fattori di vantaggio competitivo che vengono garantiti da una puntuale applicazione del nostro metodo analitico.

La fase di elaborazione del Piano di Marketing consiste infatti nella traduzione delle conoscenze acquisite nell’audit interna, nella fase analitica e nella fase strategica in un modello di comunicazione, un funnel di acquisizione e un piano di Budget promozionale e di ritorno sull’investimento.

Il giusto messaggio
Qual è il modo giusto di comunicare il brand? Quale quello che mette più in evidenza i caratteri distintivi della proposta di valore? Rispondere a queste domande vuol dire aver analizzato i fattori di attrattività che rendono vincente una proposta di valore presso il suo target. A partire dal match tra value proposition e pubblico di elezione sarà possibile tradurre questi fattori in messaggio promozionale. L’unico che farà veramente breccia presso i tuoi potenziali clienti.
I giusti canali: la progettazione del funnel
Progettare un funnel vuol dire conoscere il processo di acquisto più probabile per i tuoi potenziali clienti. Ogni cliente segue un percorso diverso per acquistare. Fattori come proposta di valore, tipo di mercato, fase nel ciclo di vita di prodotto, azione dei concorrenti rendono unico questo processo. Progettare il funnel di acquisizione dei nuovi clienti vuol dire quindi farsi trovare sui canali giusti, al momento giusto del processo di acquisto e con il messaggio giusto, che risponda nel modo più pertinente ai bisogni espressi e inespressi dei potenziali clienti. La progettazione del percorso di vendita è pertanto un momento estremamente delicato e complesso: alla sua definizione concorrono tutte le analisi effettuate nel corso delle fasi precedenti.
Il Piano di Marketing quantitativo
Il piano di marketing quantitativo è lo strumento che traduce il funnel in un modello economico. Grazie al piano di marketing mensilizzato, l’impresa può avere una prospettiva di almeno un anno in cui saprà quanto dovrà investire su ogni canale promozionale previsto nel progetto di funnel e quali ritorni aspettarsi dall’investimento. Mai più sorprese o incomprensioni: il budget descritto nel piano di marketing sarà la guida strategica per tutte le attività operative, e consentirà un benchmarking continuo per comprendere le evoluzioni del progetto di marketing in modo puntuale e sempre con lo sguardo puntato sugli obiettivi finali.

 

Il piano di marketing è l’ultimo, importantissimo passo per la progettazione di una strategia di marketing data-driven in grado di sviluppare il Brand e potenziare la competitività dell’impresa sul mercato.

Le parole chiave del piano di marketing: trasparenza, visione, misurabilità

Trasparenza, perché attraverso il piano di marketing è possibile comprendere subito quali siano i valori economici in gioco: quali gli investimenti necessari, quali i ritorni attesi, quale il risultato finale. 

Visione, perché il piano conferisce una prospettiva all’impresa: in ogni momento l’imprenditore e i manager avranno visibilità sugli obiettivi finali e sulle opportunità di sviluppo nel breve e medio periodo.

Misurabilità, perché nel piano di marketing tutto è indicato con precisione: costi ipotizzati, traffico sul sito web, lead e ordini generati per ogni canale promozionale. Sapere cosa è andato bene e cosa è da migliorare è questione di un attimo, anche grazie ai benefici della Business Intelligence

 

Vuoi sapere come applicare il nostro metodo alla tua impresa? Contattaci e troveremo insieme una soluzione!